Romanzo storico: "Non temere, Maria..."
Nell'anno 746 ab Urbe condita, in uno sperduto villaggio della Galilea, una ragazzina di 14 anni, promessa sposa a un giovane di un paio di anni più grande di lei, riceve una visita speciale e viene chiamata ad essere madre di un bambino ancora più speciale. Dire “sì” a quell’invito può mettere a repentaglio la sua vita: lei è già stata promessa in sposa, una gravidanza in questo momento potrebbe condurla alla lapidazione o al rogo. Ma lei non teme. Inizia una vicenda incredibile che cambierà la storia di tutti, per sempre. Non sarà semplice tutto ciò che avverrà da quel momento in poi. Tutta quella incredibile storia viene rivissuta con gli occhi e l’emozione di una donna, di una madre bambina. Maria, presente sotto la croce sul Golgota, ripercorre a ritroso la storia di questo figlio così speciale, ma soprattutto la storia millenaria del suo popolo, del suo Tempio, centro della vita religiosa e sociale. Un popolo chiamato “ebreo” dopo l’esilio babilonese del 586 a.C., ad opera del re Nabucodonosor e che, all’epoca dei fatti narrati, dopo aver subito diverse dominazioni, si ritrova governato da un re straniero, crudele e sull’orlo della pazzia.

Leggi un estratto del romanzo

Data pubblicazione: aprile 2020