PERSONA - Torna all'indice della tua classe
Il concetto di "persona" ha origini cristiane. Chiamare l'essere umano "persona", significa mettere in evidenza diverse cose: sia l'unità e l'unicità della persona, sia la sua caratteristica fondamentale: la comunicazione, la capacità di comuicare.

Etimologicamente, persona deriva dal greco "pròsopon", una sineddoche che indicando una parte, vuole indicare il tutto; indicando quindi il "volto" (da qui, infatti, si intuisce il pensiero, li leggono le emozioni, ...) si indica tutto l'uomo.

mascheraIl latino "persona" arricchisce di senso questo primo significato; persona, infatti, è la maschera che, nel teatro classico, serviva all'attore per far risuonare (per-sonare) la voce del personaggio.
Capendo cos'è la "personam" nel mondo antico, ossia la "maschera" utilizzata nei teatri sia per far capire quale attore si impersonava, sia per amplificare la propria voce, si comprende meglio perché la parola "persona" evidenzia la caratteristica fondamentale dell'essere umano, ossia la capacità di comunicare con i propri simili. ("Capacità di comunicare con i propri simili...", la Bibbia afferma che l'uomo è stato creato a immagine e somiglianza con Dio, pensi che questa somiglianza con Dio abbia a che fare qualcosa con quello che stiamo dicendo?!?)

Unità e unicità della persona. Il Cristianesimo, non è d'accordo sull'uguaglianza "essere umano = corpo + anima"; afferma, invece, che l'essere umano è un soggetto quantomai complesso, composto da tantissime componenti inseparabili, inscindibili, fuse tra di loro: ha ed è un corpo, ha ed è dei sentimenti, emotività, intelligenza, spiritualità... Tutte queste componenti non sono sommate tra di loro, ma sono fuse, sono talmente intrecciate che non sempre è facile capire dove inizia una componente e dove ne finisce un'altra.  Pensiamo a quando qualcuno arrossisce: il viso si colora di rosso, ma perché un'emozione ha scatenato questo;  è il corpo oppure è l'emotività che ha causato questo? Ovviamente, è un esempio banale per far capire che si tratta, appunto, di un intreccio di compoenenti totalmente fuse tra di loro.

Molti "sistemi", filosofici, politici, anche religiosi, tendono a separare queste componenti della persona, o negando la presenza di qualche componente (per esempio quella spirituale), oppure evidenziandone eccessivamente qualcuna (per esempio il corpo, come se fossimo solo muscoli,
mister muscolo!come se occorresse curare solo quello, come se noi fossimo solo il nostro corpo esteriore, come se fosse un semplice contenitore dell'anima, come se...)