Entriamo nella storia 
Popoli della MESOPOTAMIA
(scheda riassuntiva)
Torna all'indice della tua classe
Scrittura cuneiformeI primi popoli che hanno utilizzato la scrittura sono quelli della Mesopotamia (= terra in mezzo a due fiumi; è la pianura tra i fiumi Tigri ed Eufrate).
La prima lingua scritta da noi conosciuta è il sumerico, risalente al IV millennio a.C. 

Quella dei popoli della mesopotamia è una religione politeista, con a capo la triade celeste (Anu - dio del cielo, sorvegliante degli dèi e degli uomini, Enlil - dio dell'aria e del vento, Ea - dio delle acque) e la triade astrale (Shamash o Utu - dio del sole e della giustizia, Sin - dio della luna e della saggezza, Ishtar (o Inin) - dea della bellezza, dell'amore, della fertilità  e della guerra). Marduk, divinità nazionale legato alla città di Babilonia; Nergal dio dell'oltretomba e Inanna dea della terra. 
Molto diffuso, per motivi religiosi, lo studio dell'astronomia e dell'astrologia. Gli astri erano ritenuti dimore degli e dei e il loro studio permetteva di conoscere meglio il destino degli uomini legato alla volontà degli dèi. Le stesse influenze astrali, positive o negative, venivano interpretate come volontà degli dèi di favorire o di punire gli uomini, per questo l'astrologia era anche una delle tecniche più importanti di divinazione.  La stessa Terra era vista come un disco piatto al centro di una sfera rappresentata dal cielo: la Mesopotamia era al centro della Terra, circondata dalle acque dell'oceano. L'aldilà, il mondo degli inferi, si trovava proprio sotto l'oceano.
In ogni città sorgeva il tempio del dio protettore. Questi templi erano posti in alto sia per evitare i danni causati dalle inondazioni, sia perché si riteneva di essere più vicini alle divinità. Accanto ai templi c'erano le torri delle ziggurat sulla cui sommità c'era la cella sacra. In questa cella c'era la statua della divinità, vestita e nutrita come se fosse un essere umano. Tutti i beni del popolo della città appartenevano al dio protettore. Il sacerdote (dal latina sacer, che significa sacro, considerato mediatore tra gli uomini e il mondo divino) amministrava tutto. Il sacerdote principale ero lo stesso re. Nella stessa cella sacra avveniva il rito dell'Akitu; questo rito comprendeva il rito dell'espiazione (con l'uccisione del capro espiatorio) e il rito dell'automortificazione del re.
L'uomo babilonese non doveva offendere le divinità, altrimenti sarebbe stato con le leggi del Codice di Hammurabi. Inoltre, alla sua morte, ogni uomo veniva sepolto per impedire alle loro ombre (che nelle religioni antiche erano gli spiriti, i fantasmi dei morti) di tormentare i vivi. I parenti portavano alle tombe da mangiare e da bere periodicamente per evitare che i morti, nelle loro tombe, soffrissero la fame o la sete. Dopo la morte, l'anima dei defunti (cioè il centro vitale, spirituale e immortale di ogni uomo) entrava nel regno dei morti, luogo tenebroso e triste (come racconta l'epopea di Gilgamesh).

Due grandi poemi, l'Enuma Elish (recitato durante il rito dell'Akitu) e l'Epopea di Gilgamesh, ci parlano - attraverso i miti - della nascita del mondo, della morte e della vita nell'aldilà.