DIMENSIONI DELL'ESSERE UMANO
 Torna all'indice della tua classe
L’uomo, fin da sempre si pone delle domande; Aristotele diceva che la filosofia (amore per il sapere) è nata proprio dalla curiosità, dalla meraviglia: la meraviglia di ciò che ci circonda ci porta a farci delle domande. Tra le tante domande che  l'uomo si è posto, fin dalle origini, alcune possiamo considerarle "senza tempo" proprio perché appartengono agli uomini di tutti i tempi:
Da dove viene il mondoDa dove viene l'uomo? Chi l'ha creato... e perché
Che senso ha la vita? Il dolore? La morteCosa ci sarà dopo la morte? Com'è l'aldilà
E tante altre domande simili a queste...
Dimensioni o spinte dell'essere umano
 Perché queste domande?
Dallo studio dell'uomo, fin dalla sua comparsa, possiamo affermare che, fondamentalmente, possiede almeno due dimensioni o due spinte:  una che possiamo chiamare "verticale" che lo porta a credere in un essere superiore, ed una "orizzontale" che  lo spinge verso gli alitri. La storia dell'umanità finora vissuta dimostra che effettivamente l'essere umano è "fatto così", è cioè spinto verso i propri simili ed è anche spinto verso l'alto, verso Dio. L'ideale sarebbe seguire armonicamente entrambe le spinte, ma ciò non è fattibile così facilmente, quindi la nostra vita va avanti  ora seguendo di più una spinta, ora seguendo di più l'altra: l'essenziale è sicuramente non dimenticare che abbiamo entrambe le spinte e non abbandonarne nessuna delle due.
Lo stesso Gesù Cristo ha affermato che occorre amare "Dio e il prossimo".

 

Ecco alcune domande degli alunni della 1a (a.s. 2006/07)